A Technology Hub vanno in scena i “lavori del futuro”

Gli ultimi dati Istat rilevano che il tasso di disoccupazione giovanile under 25 è sceso al 36,4%, il valore più basso dallo stesso mese del 2012, e in calo dello 0,4% rispetto al mese precedente. Numeri in ripresa per il mercato del lavoro, di cui il settore Ict sembra essere il più dinamico su cui scommettere per potervi accedere, dopo un adeguato percorso di formazione. Secondo i risultati della ricerca dell’Osservatorio Digital Transformation Academy della School of Management del Politecnico di Milano, infatti, la gestione dell’innovazione digitale oggi è considerata una delle priorità per il business delle imprese italiane, dimostrata dalla tenuta del budget Ict che nel 2017 prevede un tasso di crescita complessivo in linea con il 2016, tra lo 0,5% e lo 0,6%.

Ma quali sono i “Lavori del futuro” su cui puntare? Technology Hub - l’evento professionale delle tecnologie innovative promosso da Senaf (MiCo- fieramilanocity, 20-22 aprile 2017) e dedicato a tutti i principali comparti dell’innovazione come realtà aumentata e virtuale, stampa 3D, additive manufacturing, elettronica e internet delle cose, materiali innovativi, robotica collaborativa e di servizio, droni e app economy, concederà ampio spazio ai processi formativi per l'apprendimento di conoscenze e competenze per i lavori del futuro. La manifestazione sarà un luogo di incontro e confronto in cui le imprese potranno relazionarsi con i professionisti di oggi e di domani per ingaggiare i clienti del presente e quelli dei prossimi anni. Gli studenti potranno, invece, interfacciarsi direttamente con il sistema produttivo italiano e mostrare come l’integrazione delle competenze tecnologiche e la multidisciplinarità siano fattori strategici per affrontare le nuove sfide lavorative.

A dare prova dei risultati e del potenziale delle skill raggiungibili durante il percorso formativo degli studenti, una serie di progetti legati al mondo dell’elettronica-informatica, dell’automazione-robotica e della modellazione-stampa 3D, realizzati dagli studenti dell’ Istituto Tecnico Tecnologico “E. Breda” presso i Salesiani di Sesto San Giovanni. Un’importante realtà di riferimento per le attività di formazione professionale e tecnica a servizio dei giovani, a testimonianza di quale importante contributo innovativo per le aziende possa giungere dalle idee e dall’estro degli studenti delle scuole superiori. “L’utilizzo delle tecnologie digitali, oggi, fa parte di un processo formativo da incentivare e da porre alla base della formazione dei professionisti di domani – commenta il Prof. Ferdinando Gaviraghi, Coordinatore Responsabile Attività Laboratoriali, settore Elettrico & Automazione, dell’Istituto Tecnico Tecnologico “E. Breda” Salesiani di Sesto San Giovanni – Competenza, condivisione e team working sono le parole chiave alla base del metodo di apprendimento, che devono coesistere. Un percorso di formazione, infatti, per essere corretto deve avere come finalità non solo quella di formare un buon tecnico che conosca a fondo la sua specializzazione, ma che sia anche in grado di capire le sfaccettature dello stesso problema legate ad ambiti diversi e di collaborare con figure differenti facendo lavoro di squadra.”

 

Tante le sperimentazioni di applicazione e utilizzo delle tecnologie apprese negli Istituti Scolastici visibili nella Piazza Formazione del Futuro di Technology Hub, tra cui un progetto di insetto robot con particolari in stampa 3D sviluppati e realizzati dai ragazzi; un controllo remoto dei movimenti di una Go-Pro tramite rete ethernet; un sistema di gestione dati di un carrello su una rotaia pneumatica, esempio di applicazione di rilevamento distanze e velocità, e un progetto di rilevamento dati e automazione dell'illuminazione pubblica stradale, con automatismi per accensione, spegnimento e rilevamento dati sul traffico.

Pubblica i tuoi commenti