Nuovi supervisori di sicurezza single chip per la protezione dei dati sensibili dell’IoT

I progettisti di dispositivi dell’Internet of Things dispongono ora di un modo più intelligente e sicuro per proteggere le informazioni archiviate e sensibili con i supervisori di sicurezza single chip MAX36010 e MAX36011 altamente integrati di Maxim Integrated Products. Queste soluzioni di sicurezza rendono più facile per i progettisti implementare solidi rilevamenti di manomissioni, crittografia e un’archiviazione sicura, salvaguardando al contempo le informazioni sensibili tramite protezioni logiche e fisiche, e senza dover essere un esperto di sicurezza.

I dispositivi MAX36010 e MAX36011 offrono entrambi una elevata sicurezza che può essere facilmente integrata in un progetto in qualsiasi fase del suo sviluppo. Inoltre, se queste parti vengono integrate successivamente nel ciclo di progettazione, non è necessario modificare la piattaforma per adattarle, semplificando così il processo di implementazione. Per garantire un livello più elevato di sicurezza, questi supervisori generano le chiavi tramite un vero generatore di numeri casuali (TRNG). Le chiavi vengono quindi memorizzate nella RAM con batteria tampone insieme ai certificati e ad altri dati sensibili. Questi dati vengono cancellati quando viene rilevata la manomissione, una capacità che soddisfa i requisiti della Pubblicazione FIPS (Federal Information Processing Standard) 140-2 ai massimi livelli di sicurezza (Livelli 3 e 4).

MAX36010 e MAX36011 supportano entrambe le funzioni crittografiche simmetriche e asimmetriche come Data Encryption Standard (3DES), Advanced Encryption Standartd (AES), Rivest-Shamir-Adleman (RSA) e Elliptic Curve Digital Signature Algorithm (ECDSA). Questi motori crittografici sicuri sono progettati e conformi ai requisiti delle certificazioni PCI (Payment Card Industry) e FIPS140-2. MAX36010 supporta la generazione di chiavi simmetriche per AES e 3DES, mentre MAX36011 supporta le generazioni di chiavi simmetriche e asimmetriche per AES, 3DES, RSA e ECDSA.

Pubblica i tuoi commenti