Oltre 68 milioni di dispositivi smart per il fitness

Le vendite di dispositivi di elettronica “indossabile” per l’attività fisica – tra cui soprattutto i braccialetti “intelligenti”, gli orologi sportivi, i monitor per il fitness, quelli per il battito cardiaco, le fasce toraciche e gli indumenti “intelligenti” – sembrano destinate a raggiungere i 68,1 milioni di unità nel 2015, ossia 70 milioni in meno del 2014, stando ai numeri resi noti da Gartner. Questo temporaneo calo sarà dovuto infatti a una sovrapposizione delle funzionalità dei braccialetti smart, degli altri dispositivi indossabili per monitorare il fitness e degli orologi smart; il mercato dei bracciali smart e degli altri monitor destinati a quel segmento, comunque, si riprenderà nel 2016, grazie alla versatilità dei modelli con display di costo anche inferiore a quelli attuali. "Gli accessori da indossare durante l’attività fisica sono utilizzati per registrare lo stato di salute, che procede mano nella mano con il fitness e il wellness", ha dichiarato infatti Angela McIntyre, direttore delle ricerche presso l’agenzia. "I clienti saranno in grado di raccogliere i dati provenienti da molti di questi dispositivi sotto un unico nominativo, sicché questi potranno poi essere analizzati e fornire infine, agli stessi indossatori, utili osservazioni che li riguardano. Le iniziative di investimento da parte di Qualcomm, Apple (HealthKit), Google (Google Fit), Samsung (S.A.M.I.), Microsoft, Nike e Intel, tra le altre, daranno una spinta ulteriore all’innovazione nel monitoraggio del fitness e della salute attraverso prodotti indossabili, e alla creazione delle infrastrutture necessarie alla fusione dei dati significativi per la salute e l’attività fisica". Quanto ai singoli dispositivi, poi, notiamo come gli orologi sportivi e le fasce toraciche sono ormai diffuse nel mercato, mentre i braccialetti “smart” sono stati introdotti per la prima volta, su grande scala, da Jawbone Up a partire dal 2011. Ma la categoria che Gartner ritiene possedere le più alte potenzialità di sviluppo è quella degli indumenti “smart”, che sta uscendo ora dalla fase di prova: le prime magliette “smart” sono proprio adesso disponibili per atleti e allenatori delle squadre professionali.

 

Pubblica i tuoi commenti