Lemo, connettori e cavi intelligenti

Specializzata nella lavorazione di precisione e nello stampaggio a iniezione di materie plastiche, Lemo produce connettori dal 1946. Fin dalla sua fondazione ha cercato di fornire prodotti impeccabili che esemplificano il know-how dell’industria svizzera. I prodotti di alta qualità di Lemo sono ora riconosciuti a livello globale e hanno fatto guadagnare a Lemo una reputazione internazionale. Il sistema di garanzia della qualità della società è stato uno dei primi certificati per lo standard Iso 9000 negli anni ‘90. La produzione di Lemo è organizzata in modo tale da garantire la massima indipendenza dai fornitori esterni. Dalle materie prime ai prodotti finiti, oltre il 90% del processo è gestito internamente. Oggi, Lemo è in grado di costruire nuove apparecchiature di processo, sviluppare nuovi prodotti e vendere attraverso le sue 19 filiali in tutto il mondo. Con uno staff di oltre 1.700 dipendenti, Lemo ha acquisito esperienza nella produzione di connettori e assemblaggio cavi. In questo modo riesce a garantire ai propri clienti soluzioni “chiavi in mano” certificate e testate.

Dal push-pull ad Anglissimo

Esattamente 60 anni fa, il fondatore di Lemo Léon Mouttet inventò e brevettò il connettore push-pull e da allora l’azienda ha registrato una crescita costante. Lemo ha aperto il suo primo ufficio commerciale in Italia nel 1964, poi in Germania e negli Stati Uniti. I connettori push-pull sono stati utilizzati in molte applicazioni hi-tech nei settori aerospaziale, medico, nucleare, audio-video, telecom, militare e automobilistico. Oggi, Lemo continua a innovare fornendo a molti clienti soluzioni di connessione personalizzate che soddisfano perfettamente le loro esigenze. I nuovi sviluppi del prodotto includono un connettore concentrico che consente al connettore, fino a 10 contatti, di ruotare di 360° e può essere utilizzato nei sistemi di perforazione del terreno. La spina Anglissimo è una spina otto-in-uno che può essere adattata a tutte le restrizioni di spazio da parte dell’utente. Il nuovo design consente di scegliere la migliore presa del cavo per orientare ogni diversa applicazione, anche dopo il processo di saldatura. Questo particolare design del connettore a gomito consente di regolare e posizionare il connettore in un modo efficiente per evitare l’attorcigliamento dei cavi.

Connessione a Led

Tra le altre novità introdotte da Lemo c’è Halo Led, un connettore attivo dotato di 16 milioni di indicatori di colore. Facilmente configurabili, questi connettori sono in grado di indicare immediatamente una vasta gamma di informazioni utili all’utilizzatore. Il tipo di informazioni che possono essere visualizzate da Halo Led viene deciso dal cliente prima di aggiungere il connettore alla sua attrezzatura. L’indicatore può essere configurato secondo necessità: stato (quindi acceso, spento o lampeggiante), intensità della luce e, naturalmente, una vasta gamma di colori. Con la Pulse Width Modulation tramite il Led Rgb, è possibile ottenere il colore desiderato. Gli Halo Led possono fungere da codici colore, semplificando la connessione (molto utile ad esempio in luoghi bui come gli studi cinematografici). Possono indicare lo stato della connessione (mostrando il verde il connettore è correttamente accoppiato con l’apparecchiatura compatibile). In altri casi, dove per esempio un accessorio deve essere collegato esclusivamente a uno specifico equipaggiamento, può confermare che la connessione è corretta (serve quindi come chiave di sicurezza).

Dalla connessione al cablaggio

Lemo non è solo connettori. Con l’acquisizione della società americana Northwire si sono aggiunti all’offerta i cavi prodotti in America da questa consociata. Tra le novità più interessanti c’è BioCompatic, una soluzione per il mercato medicale. BioCompatic è un cavo Usp di Classe VI Medical-Grade alternativo al silicone. Sebbene il silicone sia stato una scelta popolare nell’industria sanitaria, le sue limitazioni, compresi i costi, incoraggiano gli Oem a cercare alternative. Essendo un materiale termoindurente, il silicone deve essere molto curato, il che richiede attrezzature aggiuntive, catalizzatori e tempi di esecuzione più lunghi. La flessibilità e la morbidezza del materiale si presta a una varietà di metodi di sterilizzazione ma è più vulnerabile al taglio, all’abrasione e alla rottura. Nell’ottica di migliorare questi aspetti negativi del silicone, Northwire ha sviluppato un’alternativa termoplastica per soddisfare le esigenze dei clienti dove la biocompatibilità e la resilienza sono vitali, ma non sono richieste grandi cure e la disponibilità sul mercato è molto più veloce del silicone. Di conseguenza il cavo BioCompatic di Northwire è una soluzione economicamente vantaggiosa, che rappresenta un’opzione perfetta per applicazioni singole o riutilizzabili, in particolare quando associata alla serie di connettori Redel plastici push-pull di Lemo. Questo nuovo materiale ha la flessibilità e la morbidezza del silicone ma il cavo BioCompatic presenta una tenuta superiore al taglio e maggior resistenza alle più comuni sostanze chimiche presenti negli ospedali.

Pubblica i tuoi commenti