Investire in efficienza energetica

AMBIENTE –

Gli italiani sono attenti al risparmio energetico ma conoscono poco le tecnologie. È quanto emerge da un’indagine ISPO, commissionata da Anie Confindustria, sulla sensibilità ambientale.

Grande apertura nei confronti dell'efficienza energetica e di uno stile di vita sostenibile, ma conoscenza limitata delle soluzioni tecnologiche da adottare per perseguirli. Questo, in estrema sintesi, il dato che emerge dalla presentazione odierna dell'indagine sulle famiglie italiane commissionata da Anie Confindustria all'istituto demoscopico ISPO. In particolare, gli intervistati si sono mostrati da un lato sempre più sensibili al costo dell'energia, che percepiscono in costante crescita, dall'altro disponibili a modificare le proprie abitudini per ridurre gli sprechi di energia e abbatterne i costi.
Pur con questi segnali di apertura, le famiglie dimostrano ancora una conoscenza piuttosto contenuta o distorta del mercato, che ai loro occhi pare concentrarsi solo su alcune delle soluzioni per l'efficienza energetica oggi disponibili: quelle legate all'impiego dell'energia da fonti rinnovabili (specialmente solare e eolico) e quelle legate al mercato degli elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici, climatizzatori). Su altre soluzioni, come quelle di domotica, si registra un interesse elevato, specie nei casi in cui il consumatore, attraverso degli esempi concreti, comprende come adattare tali impianti al proprio ambiente domestico. Una comunicazione basata sulla varietà e l'utilità delle soluzioni di efficienza energetica oggi disponibili sarebbe dunque un elemento valorizzante sul quale si potrà giocare la futura competitività dell'offerta di mercato.

Pubblica i tuoi commenti