Le acquisizioni nei semiconduttori rallentano nel 2017

Lo scorso anno sono stati chiusi numerosi accordi minori, ma sono mancati i "megadeals". Secondo il nuovo "McClean Report 2018" di IC Insights la storica alluvione di accordi di fusione e acquisizione che ha attraversato il settore dei semiconduttori nel 2015 e 2016 ha rallentato significativamente nel 2017, ma il valore totale delle operazioni completate nell'anno è stato più del doppio rispetto alla media annuale della prima metà di questo decennio. Nel 2017, sono state raggiunte circa due dozzine di accordi di acquisizione che hanno riguardato società di semiconduttori, business unit, linee di prodotto e attività correlate, per un valore complessivo di 27,7 miliardi di dollari, contro i 107,3 ​​miliardi di dollari registrati nel 2015 e i 99,8 miliardi di dollari del 2016. Prima dell'esplosione delle acquisizioni manifestatasi diversi anni fa, nel periodo dal 2010 al 2015 gli accordi M&A nel settore dei chip avevano un valore medio annuo totale di circa 12,6 miliardi dollari. Nel 2017 due grandi accordi di acquisizione hanno rappresentato l'87% del totale: senza di esse, l'ammontare sarebbe stato inferiore rispetto al tipico valore annuo. La diminuzione del valore degli accordi nei semiconduttori nel 2017 suggerisce che il ritmo febbrile delle operazioni di fusione e acquisizione si sta raffreddando. La tendenza alle fusioni e alle acquisizione è scoppiata nel 2015 quando le attività di M&A nei semiconduttori hanno subito un'accelerazione a causa del crescente numero di aziende che hanno iniziato ad acquistare altre attività di chip sia per compensare i bassi tassi di crescita nelle principali applicazioni finali (come smartphone, Pc e tablet) sia per cogliere nuove opportunità di mercato legate a Internet of Things, sistemi indossabili, elettronica embedded altamente "intelligente", sistemi di guida assistita per auto di nuova generazione e - in prospettiva - veicoli completamente autonomi.

L'andamento delle attività di M&A nel corso degli anni evidenzia il boom del biennio 2015-2016

Con il calo del numero di obiettivi acquisibili e la crescente complessità delle operazioni, il consolidamento del settore tramite fusione e acquisizione è rallentato nel 2017. Il ritmo dei grandi accordi nei semiconduttori è stato rallentato anche dalle revisioni normative relative alle fusioni già pianificate effettuate dagli organismi pubblici in Europa, Stati Uniti e Cina. Una delle grandi differenze nelle attività di M&A nei semiconduttori riscontrabili tra il 2017 e i due anni precedenti è la riduzione degli annunci di mega accordi. Nel 2017, solo due operazioni di acquisizione hanno superato il valore di 1 miliardo di dollari (i 18 miliardi per il settore memorie di Toshiba e l'acquisto da 6 miliardi di dollari di Cavium previsto da parte di Marvell). Nel 2015 gli accordi di acquisizione che avevano superato il 1 miliardo di dollari erano stati dieci e sette nel 2016. I due grandi accordi del 2017 hanno spinto il valore medio dei patti di M&A nei semiconduttori a 1,3 miliardi di dollari. Senza questi mega accordi, la media dell'anno scorso sarebbe stata solo di 185 milioni di dollari. Il valore medio dei 22 contratti di acquisizione raggiunto nel 2015 era stato di 4,9 miliardi di dollari. Sulla base dei dati forniti da IC Insights, nel 2016, il valore medio dei 29 accordi di M&A era stato pari a 3,4 miliardi di dollari.

Pubblica i tuoi commenti