Un aiuto per la sicurezza negli aeroporti

In un aeroporto, la sicurezza riveste un'importanza fondamentale. La possibilità di effettuare il monitoraggio sia del perimetro del sito sia all'interno dei numerosi edifici che compongono il terminal è un requisito essenziale per la sicurezza del personale e dei passeggeri. Di recente due aeroporti in Corea hanno adottato telecamere digitali "robuste" di ultima generazione per monitorare in maniera efficace le attività che si svolgono nell'area aeroportuale. Lungo il perimetro dell'aeroporto sono numerose le attività che devono essere monitorate: dalle azioni di eventuali manifestanti al rilevamento delle attività degli appassionati di plane spotting al controllo dei parcheggi finalizzato alla prevenzione di eventuali furti. Senza dimenticare che vi potrebbe essere un pilota amatoriale di droni operante all''esterno del perimetro dell'aeroporto che deve essere identificato al fine di impedire che il drone possa interferire con il normale traffico aereo. La disponibilità di video di elevato livello qualitativo può essere molto utile nel caso di incidenti che si verificano nel sito e può rivelarsi uno strumento di gestione indispensabile in caso di emergenza per fornire le informazioni più aggiornate atte a garantire un corretto funzionamento dell'aeroporto. All'interno dell'edificio del terminal, sia nella zona oltre il check-in sia nelle aree pubbliche gli utilizzi delle telecamere per video sorveglianza sono molteplici. Mentre l'analisi della folla e di potenziali minacce costituite da pacchi e bagagli incustoditi sono compiti di routine, il rilevamento delle attività del personale, delle apparecchiature o addirittura di minori che si sono smarriti sono esempi di attività che possono trarre vantaggio dalla presenza di un sistemi di elevato livello qualitativo che supporta il protocollo Internet Protocol.

Tecnologia Sony ad alte prestazioni
La soluzione è stata fornita da Videotec, azienda italiana con sede a Schio, vicino al lago di Garda, che ha utilizzato una tecnologia di visualizzazione ad alte prestazioni di Sony. La società italiana ha fornito la telecamera Ulisse Compact HD, o Uchd, da utilizzare per la sorveglianza sia della zona perimetrale dell'aeroporto sia all'interno dell'edificio. Uchd aggiorna la telecamera di sicurezza fornendo due flussi full HD prodotti da un sistema PTZ (Pan/Tilt/Zoom) robusto.Grazie alla compressione digitale che utilizza il più recente standard H.264/Avc (Advanced Video Codec) la telecamera può entrare a far parte di un'infrastruttura digitale di più ampie dimensioni. Essa può essere collegata in maniera estremamente semplice a una rete Ethernet e inviare i flussi video a monitor digitali e a sistemi di memorizzazione economici ed efficienti. Ciò apre anche la possibilità di accedere ai flussi video mediante Internet in modo da effettuare un monitoraggio più esteso. La disponibilità di due flussi Full HD permette di ottenere immagini contraddistinte da un maggior livello qualitativo per il monitoraggio e la memorizzazione. Ciò può portare a un'identificazione più veloce e affidabile di eventuali problemi o minacce in tutta l'area aeroportuale e consentire all'operatore di effettuare ingrandimenti per esaminare i dettagli mentre un altro flusso viene registrato. Nel caso risulti accettabile una risoluzione HD più bassa la telecamere può fornire quattro flussi video che possono essere visualizzati in postazioni differenti utilizzando anche la tecnologia Mjpeg (Motion Jpeg).

Sorveglianza video efficace ed efficiente
Grazie a questo mix di caratteristiche è possibile effettuare una sorveglianza video in maniera efficace ed efficiente non solo all'interno dell'ufficio preposto alla sicurezza ma nell'intero aeroporto. L'accesso ai video provenienti dalle telecamere tramite terminali mobili come smartphone e tablet permette alle persone preposto al controllo e alla sicurezza di visualizzare flussi video in diretta quando si spostano nell'aeroporto per affrontare situazioni anomale. La funzione Ptz (Pan/Tilt/Zoom) sviluppata da Videotec consente di effettuare spostamenti di 200° in meno di 1 secondo con uno zoom x30, permettendo all'operatore di effettuare rapidamente un ingrandimento nel luogo in cui vi potrebbero essere possibili problemi, sia esso all'interno del terminal oppure si trovi una distanza maggiore lungo il perimetro dell'area aeroportuale. La modalità a elevata sensibilità permette di acquisire video con illuminazione minima (a colori) di appena 0,35 lux, garantendo una copertura lungo l'arco delle 24 ore anche nel caso venga a mancare l'illuminazione nel sito: l'illuminatore a LED integrato nella telecamera assicura un monitoraggio continuo (24 ore su 24). Videotec ha anche sviluppato un sistema di controllo dinamico in modo da impedire a chiunque di spostare manualmente la telecamera. Grazie a questo sistema la telecamera sarà sempre puntata nella direzione richiesta. L'alloggiamento prevede un robusto tergicristallo in modo da assicurare che le lenti non siano ostruite da gocce di pioggia o dalla neve al fine di garantire un monitoraggio affidabile tutto l'anno. La funzione "de-fog" consente una visualizzazione più chiara e naturale nel caso di scene nebbiose o confuse: quando attivata, la telecamera rileva il livello di foschia ed esegue automaticamente la compensazione delle immagini. La telecamera e le lenti sono state pre-configurate in fase di produzione e l'utente deve solamente effettuare il collegamento all'alimentazione e alla rete ed eseguire un semplice set-up per adattarla ai requisiti previsti. Il modulo telecamera Fcb basato su sensore Cmos da ½" di Sony fornisce un video di qualità broadcast con risoluzione 1080p/60 fps giorno e notte anche su lunghe distanze grazie all'uso di lenti ad altissime prestazioni che supportano uno zoom x30 a una lunghezza focale fino a 129 mm. Il Led fornisce l'illuminazione a una distanza superiore a 200 metri, mentre il sofisticato sistema per il controllo della temperatura assicura un funzionamento continuo nell'intervallo compreso tra -40 e 50°C.
Il passaggio a un'infrastruttura di natura digitale assicura numerosi benefici per quel che concerne la sicurezza.

L’importanza degli standard
Onvif (Open Network Video Interface Forum) è un'organizzazione sorta allo scopo di sviluppare uno standard globale per l'interfaccia dei prodotti per la sicurezza fisica basati sul protocollo IP come appunto Ulisse. Le specifiche redatte da Onvif sono finalizzate a garantire l'interoperabilità tra i prodotti indipendentemente dal costruttore. Per questo motivo l'organizzazione si è impegnata a standardizzare la comunicazione tra i dispositivi per la sicurezza fisica basati su IP e assicurare l'interoperabilità tra gli stessi. Lo standard, aperto a tutte le società e organizzazioni, definisce un protocollo comune per lo scambio di informazioni tra dispositivi video connessi in rete che comprende il rilevamento automatico del dispositivo, lo streaming video e la gestione "intelligente" dei metadati. La telecamera Ulisse può dunque essere integrata in maniera semplice con altri sistemi conformi alle specifiche Onvif come registratori video digitali per la memorizzazione dei video, mentre i formati dei metadati standard semplificano il recupero delle immagini. La telecamera è progettato in conformità al profilo S delle specifiche Onvif, relativo ai sistemi video basati su protocollo IP. Esso definisce le interfacce e i formati per lo streaming audio e video, il controllo delle funzioni Ptz e le uscite relè, oltre alla configurazione video e multicast. Tutto ciò assicura una risposta istantanea delle funzioni pan (panoramica) e tilt (inclinazione) ai comandi dell’operatore, consentendo l’acquisizione di video dettagliati che sono di vitale importanza per poter prendere le decisioni migliori in tempi rapidi.

Sicurezza totale
L’adozione di telecamere digitali comporta un gran numero di benefici per le operazioni di sicurezza e gestione degli aeroporti. Il personale degli aeroporti coreani dove è stato installato il sistema proposto da Videotec sono in grado di accedere in modo semplice e veloce a numerosi flussi video di elevata qualità relativi all’intero sito, dal perimetro esterno agli edifici che compongono il terminal. Ciò contribuisce a migliorare la gestione del sito e incrementare in maniera sensibile il livello di sicurezza. Una risposta rapida e il funzionamento continuo (24/7) in tutte le condizioni atmosferiche sono requisiti indispensabili per queste telecamere, grazie alle quali il personale che opera in aeroporto può individuare e rispondere a minacce e incidenti nel modo più veloce ed efficiente possibile.

Pubblica i tuoi commenti