Da austriamicrosystems ad ams

LA PAROLA A... THOMAS RIENER –

Un nuovo brand per esprimere al meglio le capacità nell’ambito dell’analogica innovativa dedicata alla risoluzione dei problemi delle applicazioni più complesse.

ams è il nuovo brand di austriamicrosystems, modificato in seguito all'acquisizione di Taos, produttore di sensori ottici, avvenuta nel 2011. La società, la cui sede centrale è in Austria, impiega oltre 1200 persone in tutto il mondo, serve più di 6500 clienti a livello mondiale e sviluppa e realizza semiconduttori analogici a elevate prestazioni in grado di risolvere i problemi più complessi dei suoi clienti con soluzioni innovative. I prodotti di ams sono elaborati per applicazioni che richiedono estrema precisione, accuratezza, ampia dinamica di segnale, sensibilità e bassi consumi. La gamma dei prodotti ams include sensori, interfacce per sensori, power management IC e wireless IC per clienti dei mercati consumer, industriale, medicale, telecomunicazioni e automotive. Per comprendere le motivazioni che hanno portato al cambiamento di nome e per capire i programmi strategici della società, abbiamo incontrato Thomas Riener, senior vice president, director of communications e general manager of full service foundry.

Da austriamicrosystems ad ams. Il nome è stato l'unico cambiamento o vi sono stati anche cambiamenti nell'organizzazione?
ams è il nuovo brand per austriamicrosystems e Taos, la società leader nel campo del light sensing. Quando abbiamo integrato le due aziende nel 2011, abbiamo deciso di passare a un nuovo marchio che potesse esprimere al meglio le capacità della nuova società: ams offre innovative soluzioni analogiche per le applicazioni più impegnative, dai sensori alle interfacce per sensori, dal power management al wireless. Quindi per noi non si è trattato solo di cambiare nome, ma di esprimere meglio le grandi cose che facciamo con e per i nostri clienti.

Quali sono i punti di forza e i punti di differenziazione della vostra azienda? Quali sono le principali strategie di ams?
ams è una società che produce semiconduttori analogici dalle alte prestazioni. Spinta dalla creatività e la competenza dei propri dipendenti, ams fornisce circuiti integrati analogici altamente differenziati per sensori e interfacce di sensori, power management e wireless. Ci confrontiamo con le più difficile richieste di progettazione e implementazione analogiche per i mercati industriale, medico, automotive e consumer; ci occupiamo insomma degli aspetti più complicati dell'analogico. ams gestisce due impianti di produzione di semiconduttori, uno presso la propria sede centrale in Austria e l’altro nelle Filippine. Consideriamo queste infrastrutture di grande importanza nella progettazione di prodotti analogici dalle alte prestazioni. I processi di produzione avanzati sviluppati da ams consentono una sensibilità, una precisione e un’integrazione delle soluzioni ai più alti livelli di qualità. Per noi, inoltre, la sostenibilità, la responsabilità e l'ambiente sono elementi fondamentali del nostro business. Quale società all'avanguardia nella riduzione delle emissioni, ams diventerà carbon-neutral al 100% nel 2015.

Vede applicazioni interessanti che possano guidare la crescita del business in Europa?
L'Europa è stata il nostro mercato di riferimento per molto tempo. In Europa siamo riusciti a stabilire una posizione di spicco con gli Asic per applicazioni industriali, medicali e automotive. Guardando al futuro, ci sono numerose applicazioni per sensori molto interessanti, come ad esempio i nostri sensori magnetici di posizione sia per il settore industriale sia per quello automotive., Oltre a questo, gli sviluppi nel campo dei pagamenti sicuri con tecnologia Nfc (Near Field Communication) per i telefoni cellulari o altre applicazioni, quali l'Rfid, sono molto promettenti.

Qual è la sua opinione sul ruolo che l'Europa può ancora giocare nel mondo dell'elettronica?
Noi crediamo che vi siano aree nella tecnologia dei semiconduttori, come quella dell'analogico, dei sensori e dell’automotive di alta qualità, in cui l'Europa è leader mondiale. Questo grazie all’eccellenza nella formazione e nello sviluppo ingegneristici a cui teniamo molto in Europa. Per mantenere questa leadership, è importante che l'Europa inizi a difenderla in un contesto globale: abbiamo bisogno di farne una priorità a livello europeo, assicurare che una produzione competitiva sia garantita, supportando la formazione ingegneristica. Il programma "Key Enabling Technologies" dell'Unione Europea è un buon passo in questa direzione.

Alcuni anni fa, ams ha aperto due centri di progettazione in Italia. Quali sono le attività svolte? Quali i risultati?
Il centro di progettazione di ams a Pavia è uno dei nostri sette centri di progettazione che operano in tutto il mondo. Il team sta sviluppando prodotti analogici standard per ams e siamo molto orgogliosi delle nostre capacità progettistiche in Italia. Lo stesso vale per il centro di Pisa.

La distribuzione gioca un ruolo importante in Europa. In che modo influisce sulla vostra strategia?
La distribuzione è un elemento strategico per ams. Come tutti sanno i prodotti analogici e i sensori standard attirano un gran numero di clienti con volumi progettuali di medie dimensioni. Queste richieste possono essere gestite solo con ottimi partner di distribuzione. ams lavora con Future Electronics, Mouser e Digi-Key su base globale. Lavoriamo anche con un numero significativo di distributori locali specializzati in mercati specifici.

Qual è il prodotto più interessante e innovativo lanciato da ams negli ultimi anni?
Un prodotto che ha generato molto interesse negli ultimi mesi e che riteniamo sia il primo del suo genere, è il rilevatore di fulmini Franklin. Si tratta del primo IC per rilevatori di fulmini, ed è progettato per applicazioni portatili a bassa potenza. È in grado di produrre un calcolo della distanza stimata dalla tempesta da 40 km fino a un minimo di 1 km e può essere facilmente integrato in una vasta gamma di applicazioni portatili, quali attrezzature da golf, per escursioni o marine.

Quali sono le vostre aspettative per il mercato dei semiconduttori per il prossimo anno?
Pensiamo che il prossimo anno assisteremo nell’insieme a una crescita sia sul mercato dei semiconduttori sia su quello analogico, ma con percentuali basse. ams ritiene di poter crescere molto più velocemente del mercato, conseguendo una crescita di fatturato annuo a doppia cifra per il 2013.

Quale sarà la sfida più importante, sia professionalmente sia personalmente, che dovrete affrontare nel corso del prossimo anno?
Nel complesso, ams è in fase di crescita, e crescere più velocemente del mercato offrirà tante sfide coinvolgenti per il prossimo anno, sia professionalmente sia personalmente. Inoltre, è importante per noi diffondere la consapevolezza del nuovo marchio ams sul mercato e promuovere le nostre soluzioni innovative per i problemi complessi del mondo analogico.

Pubblica i tuoi commenti