Tecnologia e poesia

ILLUMINAZIONE –

La collezione di lampade Lederam di Catellani & Smith rappresenta l’incontro ideale tra tecnologia e poesia, all’insegna del risparmio energetico derivante dall’impiego di Led a tensione di rete Acrich2 di Seoul Semiconductor.

Per le prestazioni dei propri prodotti e l'esperienza maturata dal 1987 ad oggi Seoul Semiconductor è sempre più vista come punto di riferimento in ambito Solid State Lighting. Seoul è tra i primi produttori di Led a livello mondiale con un fatturato di un miliardo di dollari e un team di 3.000 persone impegnate nello sviluppo di tecnologie sempre più innovative. L'azienda coreana vanta oltre 10.000 brevetti e soluzioni spesso esclusive, e investe ogni anno il 20% del proprio fatturato in ricerca e sviluppo. Un esempio di tale impegno è rappresentato dalla propria famiglia di light engines con funzionamento direttamente in alta tensione: Acrich2. Questa rivoluzionaria tecnologia evita l'impiego degli alimentatori con notevoli vantaggi in termini di design, vita del sistema di illuminazione, costi complessivi. Le applicazioni sono numerose e differenti tra loro, per citarne alcune: lampade da tavolo, applique, sospensioni, downlight, lampioncini da giardino, luci per balconi, proiettori, e molte altre ancora. Un esempio significativo in questo senso è la collaborazione con Catellani & Smith, azienda leader nel settore dell'illuminazione, che ha utilizzato per l'ultima collezione Lederam di lampade da parete, da soffitto e da terra, i moduli Led Acrich2 di Seoul.

Un eclissi di luna a Led

Il percorso creativo di Enzo Catellani è conosciuto e le sue luci sono la dimostrazione di una creatività sempre in evoluzione. Ribelle e caparbio, ha mirato a un futuro opposto alle sue origini, che lo ha portato in pochi anni a fondare la Catellani & Smith, azienda sita nei dintorni di Bergamo, un'industria artigianale nata per sfida, dove prende vita la produzione di pezzi che richiedono, uno ad uno, una minuziosa lavorazione artigianale. La manualità rende ogni lampada di Catellani & Smith un oggetto di design unico nel suo genere, caratterizzata tuttavia da una costante attenzione all'avanzamento della tecnologia. Lo sviluppo di fonti energetiche alternative che hanno portato una rivoluzione nel campo dell'illuminazione sono stati infatti adattate da Enzo Catellani allo stile artistico che ha sempre caratterizzato la sua produzione.
Non è facile combinare essenzialità ed estetica, mantenendosi al passo con la più avanzata tecnologia, ma l'esperimento è sicuramente riuscito. Oggetti che puntualizzano l'immagine di un'azienda, da più di 20 anni sul mercato, che continua a mantenere il gusto e il sapore di sempre, pur a livelli tecnologici rivolti al futuro. Alla recente fiera Euroluce, Catellani & Smith ha presentato la nuova collezione Lederam, in cui sono stati utilizzati moduli Led Seoul Acrich2 da 3000°K e 17 W nelle diverse tipologie di lampade da parete, da soffitto e da terra.
La collezione sviluppata da Enzo Catellani rappresenta l'incontro ideale tra tecnologia e poesia, all'insegna del risparmio energetico derivante dall'impiego di Led a tensione di rete. Lederam adotta un modulo Led Acrich2 con un'emissione di 1.300 lumen e utilizzando più moduli si può raggiungere una resa luminosa di ben 5.000 lumen (pari quindi a 250 W delle vecchie alogene). Tali moduli sono peraltro dimmerabili così da creare l'atmosfera desiderata. La collezione Lederman utilizza sottili dischi in foglie di rame la cui sovrapposizione ricorda l'effetto emozionale di un'eclissi di luna.

Soluzioni per ogni necessità progettuale

I moduli Acrich2 sono realizzati con l'impiego dei Led Seoul 5630 Mjt (Multi Junction Technology) e di un circuito integrato che garantisce un Power Factor di 0.98, una valore di Thd (Total Harmonic Distortion) inferiore al 10%, un lifetime globale di 85.000 ore. Gli Acrich2 vengono proposti con molteplici potenze, dimensioni e forme così che possano rappresentare la risposta migliore alle necessità di design dei propri partner. Tutti i moduli Acrich2 peraltro hanno ottenuto, o stanno per ricevere, le certificazioni UL, Tuv, CE e inoltre il Led 5630 Mjt su di essi impiegato ha già superato il test LM80 garantendo quindi dati di vita particolarmente alti. Recentemente l'azienda coreana ha annunciato l'entrata in mass production di nuovi moduli ad alta tensione con rendimenti complessivi di 140 lm/W così da renderne ideale l'utilizzo anche per illuminazione tecnica e professionale. Il primo di questi moduli eroga 1.400 lumen con un consumo di 10 W in un diametro 100 mm. Successivamente saranno disponibili anche moduli con potenze superiori. Per applicazioni outdoor è particolarmente interessante il Led Mjt 4040 con un rendimento di 135 lm/W. Parliamo di un Led con flusso tipico di 170-180 lumen a 64 Volt ovvero 1.25Watt. L'emitting area del 4040 è di 2 mmq che rappresenta uno standard di mercato così da agevolare l'utilizzo di ottiche secondarie già disponibili.

Pubblica i tuoi commenti