Progetti IoT industriali ancora più protetti

MAXREFDES143-1_WEB

Rivolto ai problemi connessi alla sicurezza di sistema delle applicazioni della Internet of Things industriale, il progetto di riferimento MAXREFDES143# per la sicurezza embedded di Maxim Integrated assicura protezione contro la contraffazione dei dati provenienti da sensori, garantendone l’autenticità ed integrità lungo tutta la catena dei dati, dal trasduttore al cloud. L’utilizzo di IoT nelle applicazioni industriali è accompagnato da preoccupazioni sull’integrità dei dati, per le alterazioni che le informazioni critiche fornite dai sensori potrebbero subire in qualunque punto tra la sorgente e il cloud. L’architettura sofisticata e i componenti avanzati, l’interfaccia hardware compatibile con Arduino e il supporto per le librerie ARm mbed, semplificano lo sviluppo di dati sicuri, inalterati e autenticati dal sensore al web. È ideale per i nodi di sensori analogici e per l’autenticazione dei dati nell’automazione di fabbrica e nell’industria di processo. L’architettura gerarchica a due stadi consiste in uno shield che comunica con un server web, e di un nodo sensore protetto per l’acquisizione e l’autenticazione dei dati. Lo shield comprende un modulo Wi-Fi; un coprocessore sicuro DS2465 che si fa carico dell’elaborazione crittografica Sha-256; interfacce 1-Wire e I²C; un’interfaccia utente composta di Lcd, Led e pulsanti, oltre a funzioni di allarme e registrazione dati. Il nodo sensore comprende un autenticatore sicuro DS28E15, un sensore di temperatura DS7505 e un sensore di luce MAX44009.


Sicurezza e non solo

Sono molti i vantaggi offerti dall’utilizzo del progetto di riferimento di Maxim. Prima di tutto la riduzione del time-to-market; utilizzando l’hardware e il codice sorgente in dotazione per implementare una soluzione di nodo autenticato e un’interfaccia per server web. Importante anche la facilità d’uso; il server web gratuito consente un’implementazione immediata per la raccolta e memorizzazione dei dati dei sensori in tempo reale. Poi la sicurezza; il coprocessore Sha-256 si fa carico del compito di autenticazione dei dati e conserva in modo sicuro la chiave di autenticazione del nodo; ogni nodo possiede una chiave diversa e unica.

Pubblica i tuoi commenti