Le tecnologie intelligenti invadono la casa

DOMOTICA –

Il termostato intelligente connesso a Internet sta assumendo un ruolo centrale all’interno dell’automazione degli edifici.

Una delle ultime frontiere della rivoluzione mobile è il mercato ben affermato dell'automazione degli edifici. Ufficialmente, l'automazione degli edifici interessa il riscaldamento, la ventilazione e il raffreddamento, nonché l'illuminazione, la sicurezza e gli allarmi antincendio. Nell'ambito dell'automazione degli edifici, oggi l'interesse è concentrato soprattutto sui metodi per migliorare l'efficienza energetica.  Nel corso del decennio precedente, un mercato in silenziosa crescita è stato quello dei termostati programmabili, principalmente grazie al loro potenziale di risparmio energetico e al fatto che le persone spesso si dimenticano di abbassare il termostato prima di uscire per andare al lavoro. C'è però anche un altro mercato emergente, quello del termostato intelligente connesso a Internet che potenzialmente rappresenta una via verso l'automazione degli edifici. Come si è evoluta questa tendenza?  Guardando indietro, possiamo vedere la progressione dei termostati elettronici, spiega Mark Burr-Lonnon, Vice Presidente di Mouser Electronics dell'area EMEA. Solo per i termostati programmabili, la progressione è stata rapida. “Alla svolta dell'ultimo secolo, molti dei nuovi termostati residenziali erano ancora meccanici a causa dei limiti legati ai costi”, spiega Burr-Lonnon. “Oggi la maggior parte delle installazioni è programmabile, principalmente perché il costo dell'elettronica si è abbassato”. È riconosciuto che la programmabilità, in quanto funzionalità, è efficace solo se un programma è presente e non ignorato, il che annullerebbe i risparmi di energia. Una pubblicazione del Lawrence Berkley National Laboratory fa riferimento a uno studio condotto da TU Delft nei Paesi Bassi. In questo studio un'interfaccia touchscreen interattiva e ad elevata utilizzabilità è stata testata in un termostato simulato registrando le interazioni dei soggetti. La funzione interattiva consentiva anche ai soggetti più anziani, la fascia demografica che è meno probabile che programmi un termostato, di realizzare attività di programmazione complicate sul termostato stesso.

I termostati intelligenti
In molte condizioni climatiche, la gestione della temperatura in una casa influisce in media su oltre la metà della bolletta energetica. I termostati programmabili rappresentano uno standard per le nuove abitazioni e per i proprietari informati.  I termostati intelligenti vanno oltre e non solo sono programmabili, bensì anche collegati a Internet tramite wireless. Alcuni esempi di termostati intelligenti sono l'ecobee, il Nest, l'Homewerks Radio Wireless e l'Honeywell Prestige 2.0. I termostati intelligenti possono monitorare il modo in cui i consumatori utilizzano l'energia e infine possono consentire al proprietario di una casa di risparmiare molta energia e denaro. “La 'griglia intelligente' è un'integrazione efficiente per i risparmi energetici; è un mezzo per monitorare e gestire la distribuzione e l'utilizzo dell'elettricità sulla griglia di distribuzione elettrica” spiega Burr-Lonnon. La griglia intelligente può rivelare le informazioni sulla richiesta di elettricità di picco ai termostati intelligenti, di modo che i consumatori possano avere un risparmio sulle bollette dell'elettricità. Un termostato intelligente può essere programmato per rispondere durante i tempi di domanda di picco, ad esempio, per impostare su un valore inferiore il valore di riferimento, in modo tale che sia utilizzata un'energia minore nei momenti in cui l'energia è più costosa da generare. In questo modo, i termostati intelligenti possono essere utilizzati per regolare l'utilizzo dell'elettricità di picco per i programmi tariffari che premiano l'uso al di fuori degli orari di picco con tariffe inferiori.  I termostati intelligenti possono anche tenere traccia di programmazioni e utilizzo complessi; un esempio sono i termostati “Nest”, che si auto-programmano in modo passivo nel corso di una settimana dopo aver stabilito un modello di regolazione con un valore di riferimento. Questi dispositivi programmati in modo passivo differiscono nelle metodologie, ma hanno tutti l'obiettivo comune dell'efficienza energetica modificando i valori di riferimento in base ai modelli dell'utente, non a programmi fissi. Il termine “termostato intelligente” si riferisce solitamente alla connettività Internet, ma viene anche utilizzato per questi termostati indipendenti programmabili passivamente.

La connettività wireless
I termostati con la connessione a Internet consentono una programmazione mobile oppure regolazioni manuali. La semplicità di utilizzo è una funzione fondamentale per il risparmio energetico in generale, semplicemente perché sarà utilizzata. I termostati programmabili consentono una riduzione delle bollette dei servizi se i residenti li programmano. I termostati programmabili continuano a essere un settore a crescita elevata, perché non ci si limita più, a causa del prezzo, a programmi semplici in una Mcu a 8 bit con una memoria molto ridotta. Le Mcu più ampie a 32 bit ora sono talmente affidabili che le applicazioni sensibili alla variazione dei prezzi stanno avendo una crescita significativa nelle configurazioni e nelle funzionalità. L'interfaccia Android o Apple che è presente sulla maggior parte degli smartphone mobili non pone particolari difficoltà di apprendimento in merito a questo segmento dei proprietari immobiliari. Poiché non sono necessari dispositivi speciali ed è possibile scaricare gratuitamente le applicazioni per una base installata esistente di smartphone, le barriere per entrare in questo mercato sono significativamente ridotte. I termostati sono dispositivi abbastanza semplici e la connettività wireless è semplificata dai moduli RF di serie. Come menzionato in precedenza, i termostati connessi a Internet sono ben posizionati per diventare un hub di comunicazione di automazione degli edifici.

Lo standard Climate Talk
Quando una nuova tecnologia attecchisce, questo avviene perché è stata creata un'accelerazione per supportare una massa importante di utenti, dove i benefici superano i costi e la tecnologia scelta può diventare uno standard effettivo. Spesso cresce fino a dare dei vantaggi oltre alle aspettative originarie. Pertanto, non è irragionevole vedere che il termostato connesso a Internet diventi più di un semplice termostato, rappresentando una via verso l'automazione degli edifici. Il mercato trarrà vantaggio da questo, solo creando degli standard. Un nuovissimo creatore di standard in quest'area è ClimateTalk. La ClimateTalk Alliance, un consorzio costituito di recente, formato nel 2009, sta collaborando per creare standard di comunicazione nell'automazione degli edifici, che dovrebbero aprire un nuovo e ampio mercato per i prodotti collegati elettronicamente. Mentre le società di servizi si stanno orientando verso i misuratori intelligenti come il mezzo migliore per la gestione dell'energia basata su griglia, il termostato connesso a Internet mantiene una posizione centrale nell'edificio, sia fisicamente sia potenzialmente con collegamenti per ricevere informazioni dalla società di servizi mediante i misuratori intelligenti. Se gli standard aperti che ClimateTalk desidera promuovere prendono piede, la rivoluzione dell'automazione degli edifici arriverà ai proprietari, con un termostato attivato tramite Internet come una via d'accesso vera e propria. Il pezzo mancante, finora, è stata l'affermazione di un insieme di standard per un protocollo di comunicazioni comune e un hardware corrispondente.

Da Mouser supporto intelligente
Mouser inoltre ha appena presentato un nuovo sito di formazione sulla smart grid: “Le idee che non sono state percepite come possibili prima, ora possono essere implementate positivamente o negativamente”, afferma Burr-Lonnon. È stato dimostrato che la tecnologia recente influenza il tessuto sociale e politico delle nazioni. Le possibilità sono enormi e lo sappiamo per via dell'ingenuità dimostrata dell'hardware elettronico avanzato ma accessibile, che consente oggi un milione o oltre di applicazioni per smartphone. I dati anonimi possono essere utilizzati per identificare le tendenze e prevedere i modelli per la gestione dell'energia su ampia scala.  I termostati intelligenti rappresentano un mezzo per fornire i dati delle tendenze per comprendere i modelli di utilizzo e le correlazioni. Il grande quadro che viene da diversi punti di dati può consentire modelli predittivi nell'utilizzo di servizi che creeranno uno strumento per l'efficienza energetica su una scala molto più ampia rispetto a un singolo termostato. "Mouser, un distributore leader globale di semiconduttori e componenti elettronici, aiuta a indicare la strada giusta", spiega Burr-Lonnon, "fornendo soluzioni ai progettisti elettronici, offrendo loro la selezione più ampia delle tecnologie più avanzate dai principali innovatori come Texas Instruments, Toshiba, ON Semi, Microchip, Kemet, Cree, Avago, Laird, Olimex, Littelfuse, Lecroy, Murata, Omron e altri produttori leader". Mouser offre inoltre ai tecnici nell'Europa Centrale un supporto tecnico localizzato dalla sede europea situata in Germania e dall'ufficio in Italia, oltre a sette altre sedi posizionate in modo strategico in tutta Europa. Il distributore ha creato un sito di formazione tecnica sul suo premiato sito Web www.mouser.com/industrial_applications/.
Mentre la tecnologia avanza, i progettisti in tutta Europa possono fare affidamento su Mouser per componenti autorizzati dai principali innovatori del settore. Il mondo sarà più verde attraverso un milione di capacità professionali che collaborano insieme fornendo maggiori vantaggi in aree che i progettisti non hanno ancora scoperto.

Pubblica i tuoi commenti