La tecnologia capacitive-touch conquista l’automotive

Dopo avere conquistato gli utenti consumer tramite smartphone e tablet, la tecnologia dei touchscreen si sta sempre più facendo strada nel mondo dei veicoli. Infatti, ricorda Ihs Markit, le vendite di pannelli touch in ambito automotive dovrebbe raggiungere il tetto di 50 milioni di unità, in crescita dell'11% rispetto ai 45 milioni venduti nel 2016. Ma c'è un altro dato che segnala ancora di più un passaggio particolarmente significativo: nel corso di quest'anno si prevede che nei veicoli le vendite di touchscreen capacitivi supereranno quelle dei tradizionalmente dominanti touchscreen resistivi. Del resto, gli schermi per l'automotive oggi permettono di visualizzare contenuti da un'ampia varietà di fonti provenienti sia dall'interno che dall'esterno dell'automobile. Le applicazioni di nuova generazione richiedono pannelli touchscreen che modificano il compito dei display utilizzati in auto: si sta passando dalla semplice visualizzazione di una serie di informazioni a una vera e propria interfaccia tra uomo e macchina. Questa evoluzione della loro funzione, unitamente al netto incremento del volume dei dati visualizzati, implica la richiesta di display di maggiore grandezza e risoluzione, caratteristiche che meglio supportano la visione delle informazioni. Di conseguenza, segnala Ihs Markit, sui nuovi veicoli la tecnologia capacitive-touch sta di fatto sostituendo quella resistive-touch nonostante i maggiori costi dei moduli.

Pubblica i tuoi commenti