Infineon in prima fila per la cybersecurity europea

Infineon sta lavorando insieme alla Commissione Europea sul fronte della cybersecurity nello sviluppo delle relative linee guida. Infatti, la Commissione Europea ha siglato un contratto per una Public-Private-Partnership con Asbl, l'organizzazione europea della cybersecurity (Ecso) di cui Infineon è membro. In qualità di rappresentante del settore privato, l'Ecso opererà a stretto contatto con la Commissione per migliorare le policy industriali del Vecchio Continente sulla cybersecurity. Grazie a questa partnership, sono previsti investimenti pari a un valore di 1,8 miliardi di euro entro il 2020 per lo sviluppo di soluzioni di cybersecurity affidabili e innovative. “La priorità principale in un mondo connesso è rendere sicura l'interazione e la comunicazione tra le persone, i dispositivi elettronici e le infrastrutture”, ha spiegato Thomas Fitzek, Vice President Marketing at the Chip Card & Security Division di Infineon. “Le tecnologie di sicurezza devono garantire scalabilità a tutti i livelli, dai dispositivi alle reti fino al cloud”.


Pubblica i tuoi commenti