In ripresa optoaccoppiatori e relè a stato solido

MERCATO OPTO –

Secondo gli ultimi dati di IHS, i mercati emergenti hanno ampliato le proprie dimensioni, aiutando questo segmento a crescere dell’8%, arrivando a un valore di 1,33 miliardi di dollari nel 2013, a partire da quello di 1,23 miliardi del 2012.

Per i produttori di optoaccoppiatori e relè a stato solido, gli ultimi anni non sono stati facili. Dopo i danni subiti dalla loro supply chian e dalla loro clientela a causa del terremoto in Giappone e delle inondazioni in Thailandia, le loro prospettive sono divenute più positive. Con il risollevarsi dei mercati industriali in tutto il mondo, grazie al miglioramento della situazione macroeconomica, i fatturati e le vendite sono risultate in costante aumento dalla metà del 2012. Secondo gli ultimi dati di IHS Technology, i mercati emergenti hanno ampliato le proprie dimensioni, aiutando questo segmento a crescere dell'8%, arrivando a un valore di 1,33 miliardi di dollari nel 2013, a partire da quello di 1,23 miliardi del 2012. Parte dello sviluppo, certo, dipende dal fatto che alcuni produttori hanno ripreso le operazioni interrotte dopo i disastri naturali, ma ci sono comunque altri segnali incoraggianti. Il segmento dei veicoli ibridi ed elettrici è vivace, perché ha presentato fra il 2012 e il 2013 una crescita del 7% in termini di unità prodotte, e del 18% nel 2014. Il numero totale di componenti per l'isolamento del veicolo è destinato a rimanere abbastanza stabile e l'erosione dei prezzi in questo settore si prevede relativamente bassa. Nel complesso, dunque, IHS stima che il mercato degli optoaccoppiatori e dei relè a stato solido si espanderà tra il 2013 e il 2019 a un tasso medio di crescita annua del 12%.

Pubblica i tuoi commenti