Il valore aggiunto nella connessione

PROFILI –

La specializzazione nella connessione è da sempre l’arma vincente di Darton che oggi si propone sul mercato con fornitori di prestigio, prodotti di qualità e dimensione nazionale.


Nata nel 1982 come piccolo distributore regionale di connettori e meccaniche per l’elettronica, nel corso degli ultimi anni Darton è stata protagonista di una decisa evoluzione. Oggi l’azienda, grazie a una estrema specializzazione, alla completezza della gamma, alla partnership con fornitori di prestigio e alle maggiori dimensioni raggiunte, è infatti in grado di proporsi sul mercato italiano come punto di riferimento nel settore della connessione. Come ci hanno spiegato Francesco Mongiardo e Riccardo Balconi, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di Darton, che nel 2006 hanno acquisito la società fino ad allora proprietà di Gaetano Bruschi, in questi due anni la proprietà ha investito in modo importante nell’azienda, apportando innovazioni e cambiamenti a livello organizzativo e operativo. “Negli ultimi due anni ci siamo dedicati a una serie di attività che oggi ci permettono di proporci sul mercato con una nuova e più aggressiva veste. Abbiamo ad esempio implementato un nuovo sistema gestionale, riorganizzato il magazzino, ampliato l’organico e ci siamo proprio da pochi mesi trasferiti in una nuova e più spaziosa sede, con una superficie di oltre 1000 mq, sita a nord di Milano". L’investimento maggiore, come ha spiegato Francesco Mongiardo, attuale amministratore delegato di Darton, è stato però nel modificare la mentalità dell’azienda, nel cambiare il modo di lavorare rendendolo più adeguato alle attuali necessità dei clienti: “Bruschi ha svolto un ottimo lavoro nel corso degli anni, dando alle società delle ottime basi su cui noi intendiamo oggi costruire. Abbiamo voluto per questo dare un nuovo vigore all’azienda, portando del cambiamento all’interno della continuità, aggiungendo la nostra energia e il nostro entusiasmo alle competenze e alla storicità di Darton. In quest’ottica è stata operata una decisa riorganizzazione, inserendo in azienda nuove figure professionali e nuove competenze, ad esempio nel customer service”. Grazie a questo Darton è oggi in grado di sopportare una considerevole mole di lavoro e si trova pronta ad ampliare i propri orizzonti commerciali: ”Abbiamo trovato in Darton una società ottimamente posizionata in Lombardia; ora ci stiamo focalizzando anche a supportare commercialmente altre aree, come l’Emilia Romagna e il Veneto, e siamo pronti a consolidare ulteriormente le nostre attività su tutto il territorio nazionale”.

L’importanza della specializzazione

Tra le caratteristiche che hanno fatto di Darton un sicuro punto di riferimento nella distribuzione di connessioni e meccaniche per l’elettronica, c’è sicuramente la specializzazione. “Se quella della specializzazione è diventata oggi una scelta obbligata, in passato molti distributori sceglievano la strada generalista. Darton, invece, fin dalle origini ha creduto nel valore della specializzazione e posso confermare che si è trattato di una scelta vincente, dimostrata in tutti questi anni dagli importanti successi registrati”. Specializzazione che significa competenza nel prodotto:“Vendere connettori non è come vendere un qualsiasi prodotto commodity; sono necessarie competenza e conoscenza. E in questo Darton è facilitata da una presenza sul mercato che dura da oltre 25 anni. Le nostre persone non solo sono tutte specialiste del settore, ma hanno una particolare competenza e una ineguagliabile conoscenza del prodotto che vendono, alcune anche da più di vent’anni”. A questo si deve unire un’ottima sintonia con la casa madre e una integrazione totale tra le due strutture. A dimostrazione il rapporto che da oltre 25 anni lega Darton a Molex, storico partner di riferimento: “Darton è nata con la distribuzione dei prodotti di Molex e in tutti questi anni tra le due società si è sviluppata una partnership più che solida. Da sempre è in atto una perfetta sinergia, grazie anche alle particolari politiche distributive di Molex che ha sempre avuto un occhio di riguardo per i distributori locali. Si tratta di una collaborazione di successo per entrambi, dimostrata anche dall’ottimo posizionamento di Darton in termini di fatturato e di volumi di prodotti Molex venduti”. I motivi di questa partnership di successo sono da ricercarsi secondo Mongiardo proprio nella specializzazione

La qualità delle case rappresentate

La volontà di specializzazione ha spinto Darton a ricercare un pacchetto di prodotti completo e di elevata qualità, come dimostrano le case rappresentate. Oltre a Molex, infatti, Darton distribuisce i prodotti delle principali case del settore: Panduit, Harting, ITW Pancon, Wago e 3M, tutti nomi di assoluto prestigio nel settore della connessione, a cui si uniscono Elmec e Camatrox per quanto riguarda le meccaniche per elettronica. “Anche Panduit rappresenta un marchio storico, e la sua offerta è per noi fondamentale, in quanto va a completare la proposta di prodotti standard con prodotti che richiedono particolari omologazioni e con i sistemi di etichettatura e di identificazioni. Lo stesso vale per Harting, con cui lavoriamo ormai da diversi anni; all’inizio ci siamo dedicati solo alla parte elettronica, mentre oggi stiamo cercando le competenze anche per approciare l’area della connessione di potenza.” La partnership più recente è invece quella che lega da circa un anno Darton a 3M per la distribuzione della gamma di sistemi di connessione, cavi e collanti. “Si tratta di un accordo molto importante per la nostra azienda, anche perché ci consente di approciare settori nuovi. Dopo avere superato una fase di training e formazione sui prodotti 3M, oggi stiamo lavorando bene e realizzando anche con questa casa delle buone crescite.”
La gamma dei prodotti offerti da Darton è in grado di rispondere alle più diverse esigenze di connessione di differenti settori.
Nel corso degli anni Darton ha consolidato buoni rapporti con subcontractor e gli assemblatori di cavi e connettori, settore da cui ancor’oggi proviene buona parte della domanda di connessione. Negli ultimi tempi ha scelto però di diversificare andando ad approcciare nuove applicazioni: “Se in passato i cablatori costituivano oltre l’80% del business di Darton, in questi ultimi anni abbiamo rafforzato la nostra presenza nell’ambito dell’elettronica, in applicazioni che spaziano dall’automazione industriale alle telecomunicazioni, dal bianco al consumer, settori in cui oggi siamo presenti presso aziende Oem di rilievo internazionale. Inizialmente abbiamo riscontrato qualche difficoltà nella vendita di connessione da scheda, ma oggi siamo riusciti a ottenere un buon bilanciamento nella nostra offerta”.

Obiettivo consolidamento

Tra le armi vincenti di Darton per contrastare una competizione che, come ci spiega Mongiardo, è sempre più agguerrita, c’è sicuramente il servizio: ”La piccola distribuzione si sta muovendo bene sul mercato, trovando gli spazi di crescita adeguati, supportata anche delle politiche distributive di alcune case che hanno fortunatamente scelto di investire su una distribuzione “minore”, ma specializzata. Per questo il servizio costituisce l’arma vincente per supportare una clientela sempre più esigente, a cui non è più sufficiente un’offerta di prodotti di qualità consegnati in tempi rapidi, ma che richiede nuovi servizi in grado di aggiungere valore. Un esempio in questo senso sono le attività di cablaggio, che svolgiamo internamente a livello prototipale e con il supporto di cablatori partner”. Nel corso degli ultimi due anni la nuova proprietà ha consolidato il business di Darton, passato da poco più di 3,2 milioni di euro ai 5 milioni di euro fatturati nel 2007. L’obiettivo, come spiega ancora Mongiardo, rimane quello del consolidamento: “Vogliamo consolidare una società che da 25 anni è sul mercato con successo, e ampliare le prospettive di crescita oltre il livello regionale, assumendo una connotazione ancor più nazionale. Il 2008 non è stato un anno facile, e anche per il 2009 ci sono molte perplessità, ma siamo certi che, grazie al supporto dei nostri partner riusciremo a mantenere le nostre posizioni sul mercato”.

Pubblica i tuoi commenti