Il kit dei sogni

e14114

I kit di sviluppo, abbreviati in inglese con “dev kit”, hanno plasmato il mondo permeato di tecnologia in cui viviamo oggi. Queste schede a circuiti stampati si trovano al centro dell’innovazione tecnologica e consentono di compiere passi in avanti all’interno dei dispositivi smart, della tecnologia indossabile, dell’Internet of Things e della smart metering. Anche se il consumatore medio fatica a comprendere il ruolo dei kit di sviluppo, per gli ingegneri elettronici questo strumento diventa un componente chiave nell’ideazione del prodotto. Se pensiamo alla miriade di kit di sviluppo che il mercato offre ai progettisti del settore elettronico, l’industria sembra satura, ma questi offrono davvero le caratteristiche e tecnologie che servono agli ingegneri di oggi?


Il progetto DreamBoard
Il progetto DreamBoard, lanciato da element14 ad ottobre dello scorso anno, si prefiggeva lo scopo di scoprire che cosa cercano davvero gli ingegneri in un kit di sviluppo nella fase iniziale del processo di creazione, tramite un’iniziativa di crowdsourcing globale. Grazie a uno strumento interattivo sul sito della community element14, migliaia di ingegneri hanno creato il migliore kit di sviluppo partendo da zero, potendo scegliere tra un’ampia gamma di tecnologie e funzioni tra cui architetture core, dimensioni della scheda, memorie, processori, sensori, interfacce e connettività. L’iniziativa ha sicuramente stimolato la fantasia di ingegneri di tutto il mondo, che hanno creato oltre 3.000 schede, condivise poi sulla community element14 a partire dal lancio dell’iniziativa. Più di recente, 16 delle migliori idee, tra cui alcune provenienti da Regno Unito, Stati Uniti, Europa e India e selezionate da un team di tecnici della community element14, si sono sfidate nella DreamBoard Battle, in cui i partecipati votavano il migliore “dev kit”. Con la sua vittoria, il vincitore del concorso DreamBoard segna sicuramente un momento storico, ma il vero valore di quest’iniziativa sta nell’enorme quantità di dati raccolti lungo tutto il progetto e in quello che i progettisti ci hanno comunicato. I migliaia di kit di sviluppo unici ideati da ingegneri e appassionati di elettronica forniscono al settore importanti informazioni sui requisiti dei kit di sviluppo e sulle aspirazioni di design degli ingegneri elettronici di oggi.

Tendenze di progettazione
I dati sulle DreamBoard indicano una domanda di maggiore potenza per dispositivi multipli connessi, con una reale preferenza per i processori quad-core e la connettività di rete. A inizio anno, l’iniziativa element14 “Engineering a Connected World” ha sottolineato un fortissimo interesse da parte dei consumatori per i dispositivi connessi e i dati sulle DreamBoard indicano che la tendenza per l’Internet of Things è andata oltre la frenesia nella community degli ingegneri. Il migliore kit di sviluppo è caratterizzato da una chiara propensione alla connettività, con il 70% dei design che sfrutta il Wi-Fi e circa la metà (47%) che sceglie il Bluetooth. Agli ingegneri era stata inoltre data la scelta tra 14 sensori per le DreamBoard, da quelli per la temperatura a quelli per la luce, passando per quelli magnetici e induttivi. Sembra esserci un chiaro appetito tra i consumatori per questo tipo di dispositivi: il 64% degli intervistati nello studio “Engineering a Connected World” dice di essere interessato a possedere un dispositivo per il fitness e il 61% conferma di possedere un’auto connessa a Internet, o di prevedere di acquistarla, citando la migliore efficienza e sicurezza del passeggero in cima alla lista delle innovazioni. Esiste inoltre una chiara connessione tra questi sensori e i requisiti di connettività, dato che Wi-Fi e Bluetooth saranno fondamentali per trasmettere ed elaborare eventuali dati raccolti.

Salute ed energie rinnovabili
La domanda di tecnologia connessa che necessita di sensori sofisticati e di maggiore energia si estende anche a settori che sono attualmente in crescita. Il rapporto “Engineering a Connected World” sottolinea le aree su cui i consumatori vorrebbero che si concentrasse la tecnologia in futuro, con la salute in vetta alla classifica (68%) seguita dall’energia rinnovabile (66%).
Sia il settore della tecnologia medicale che quello dell’energia intendono adottare tecnologie innovative per andare incontro al futuro e dati accurati ottenuti da sensori svolgeranno un ruolo cruciale nel fare sì che ciò avvenga, insieme ad una maggiore potenza per poter far funzionare i sensori ed elaborare i dati.

Un futuro trainato dai kit di sviluppo
Più i processori si fanno veloci, più i dispositivi si fanno piccoli e più la tecnologia che sembrava un tempo fantascienza diventa una cosa all’ordine del giorno. La domanda dei consumatori per dispositivi connessi che consentano loro di avere un controllo sul proprio ambiente circostante ha un chiaro impatto sui progettisti e sui kit di sviluppo che invaderanno il mercato negli anni a venire. È indubbio che i kit di sviluppo stanno svolgendo un ruolo fondamentale nel processo di design, dalla fase di collaudo ai prototipi veri e propri, ed è chiaro che l’IoT sarà una presenza inevitabile. Esistono tuttavia alcune barriere alla produzione di simili progetti, come ad esempio i timori legati alla privacy. L’iniziativa DreamBoard ha inoltre dimostrato che il ruolo del distributore resta quello di assistere gli ingegneri durante il loro percorso e superare gli ostacoli che incontrano sia nella progettazione che nella produzione, oltre alle sfide tecniche che si presentano quando si abbandona la fase di sviluppo. In fin dei conti, l’unica limitazione a ciò che possiamo progettare con queste nuove tecnologie è la nostra immaginazione.

Pubblica i tuoi commenti