IC per la gestione della potenza in crescita

Power

ll settore dei circuiti integrati per la gestione della potenza si è dimostrato l’unico ambito di prodotto, fra i semiconduttori di potenza, a essersi ampliato nel 2015. E in effetti, se prestiamo fiducia allo studio di settore condotto da Ihs Technology, se da un lato i discreti power e i prodotti a modulo hanno visto ridurre il proprio mercato di circa il 10%, rispetto al 2014, nel complesso i diversi semiconduttori power hanno mostrato un andamento ben al di sotto di quello del mercato generale dei semiconduttori. I discreti power, tuttavia, dovrebbero svilupparsi a un tasso medio di crescita annua del 3% tra il 2015 e il 2020, mentre i prodotti power a modulo dovrebbero ampliare il proprio mercato del 5%; i circuiti integrati power, invece, dovrebbero registrare un incremento del 2,8%. E sebbene il fatturato degli Ic abbia nel 2015 superato quello dei primi due, questi potrebbero invece mostrare uno sviluppo più elevato nel quinquennio fra il 2015 e il 2020. Osservando poi da vicino il segmento dei discreti, si coglie come i fornitori di semiconduttori dovrebbero essere attenti ad alcuni elementi chiave: le tecnologie collegate ai nuovi materiali – come la SiC (Silicon Carbide) e la GaN (Nitruro di Gallio) – dovrebbero mantenere un Cagr superiore al 20% durante l’arco di tempo considerato; inoltre, anche la tecnologia dei Mosfet a supergiunzione dovrebbe continuare a mostrare un tasso di crescita più elevato di quello dei Mosfet, e pari al 12% nel quinquennio. Passando infine ai prodotti power a modulo, che includono i moduli Igbt di tipo standard, i Pim (Power Integrated Module) e gli Ipm (Intelligent Power Module), si nota come tale settore nel suo insieme dovrebbe svilupparsi a un Cagr superiore al 4,5%, toccando punte superiori al 7% in Cina e nel resto dell’Asia. Il settore complessivo degli Ic power, invece, dovrebbe essersi bloccato nel 2016, fermandosi sui valori di fatturato raggiunti nel 2015, per poi tornare ad ampliarsi a un Cagr del 2,6% tra il 2015 e il 2020.

Pubblica i tuoi commenti