Premiata la crittografia Blurry Box di Wibu-Systems

Wibu-Systems è il vincitore con il proprio metodo crittografico Blurry Box di uno dei dodici premi “Prodotto dell'Anno” assegnati dalla rivista Electronic Products. Il software può essere una parte determinante nello sviluppo di un prodotto, ma spesso questo investimento viene sottratto mediante la pirateria. Prevenire la distribuzione di copie illegali può essere difficile, specialmente quando un prodotto è già sul campo. Il metodo crittografico Blurry Box di Wibu-Systems salvaguarda i produttori di software dal furto della proprietà intellettuale digitale, dalla contraffazione di prodotto, dal reverse engineering del software e dalla manomissione del codice. Utilizzando una combinazione di sette metodi pubblicati, lo schema di Blurry Box rende la sottrazione del codice più costosa rispetto allo sviluppo stesso del software.

Blurry Box, una tecnologia robusta

Gli schemi crittografici seguono generalmente la convenzione "sicurezza tramite oscurità", con la quale i metodi alla base della sicurezza non vengono pubblicati e non possono essere pertanto passati al vaglio dalla comunità di esperti. Blurry Box, d'altro canto, si fonda sul principio di Kerckhoffs, che postula "Un sistema di crittografia dovrebbe essere sicuro anche se tutto ciò che riguarda il sistema, ad eccezione della chiave, fosse di dominio pubblico". Blurry Box è stato integrato nella piattaforma di protezione, gestione licenze e sicurezza CodeMeter di Wibu-Systems. Questa tecnologia estrae, duplica, modifica e crittografa le singole funzioni, seleziona le varianti e tiene in considerazione il flusso del programma. Trappole e ritardi di decrittografia fermano gli attacchi di forza bruta. La tecnologia si è rivelata di particolare validità e robustezza durante un concorso internazionale per hacker tenutosi la scorsa primavera.

Pubblica i tuoi commenti