Clima positivo dall’electronica 2012

EVENTI –

Il principale salone mondiale alimenta la fiducia dell’industria elettronica; oltre 72.000 visitatori da 78 nazioni, con l’Italia primo Paese straniero per numero di visitatori, e elettronica per autoveicoli tema centrale in tutti i padiglioni.

Con oltre 72.000 visitatori si è chiusa venerdì 16 novembre la venticinquesima edizione di electronica, il salone internazionale di componenti, sistemi e applicazioni dell'elettronica. 2.669 espositori da 49 Paesi hanno mostrato, nell'arco di quattro giornate, il futuro dell'industria elettronica mediante una ricca offerta di soluzioni concrete. Al centro dell'attenzione soprattutto le tecnologie intelligenti ad alta efficienza energetica nelle aree di Energy Storage, Led e Smart Grid. A quest'ultimo tema è stata dedicata quest'anno anche la Ceo Round Table, uno dei momenti salienti del programma collaterale.

Norbert Bargmann, Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione di Messe München GmbH, si dichiara più che soddisfatto dell'andamento della fiera: “Il risultato conferma il valore dell'industria elettronica come comparto economico fondamentale in tutto il mondo. C'erano proprio tutti.” Il mercato si trova a fronteggiare nuove sfide alle quali le aziende produttrici rispondono con soluzioni intelligenti. Quest'anno i temi centrali sono stati soprattutto le tecnologie ad alta efficienza energetica e gli ultimi sviluppi nell'elettronica medicale. In tutte le aree espositive spiccavano le soluzioni per l'industria dell'auto, dove l'elettronica vanta una crescente pervasività in tutti i veicoli, dai sistemi di controllo per il recupero di energia e la gestione della batteria, alle nuove tecniche di ricarica per i veicoli elettrici. Il settore guarda con moderato ottimismo al 2013, come ha dichiarato anche Christoph Stoppok, Direttore Generale delle associazioni di componentistica, sistemi elettronici e circuiti stampati all'interno della ZVEI (associazione nazionale tedesca dell'industria elettrotecnica ed elettronica): “Dopo una leggera contrazione, per il mercato mondiale dei componenti elettronici ci aspettiamo una crescita del quattro percento circa, che porterà il giro d'affari a 480 miliardi di dollari. E le previsioni indicano un aumento del fatturato anche per l'industria dei semiconduttori.”

A Monaco di Baviera sono giunti oltre 72.000 visitatori da 78 nazioni. Gli operatori sono stati molto soddisfatti dello svolgimento del salone, come conferma il sondaggio dell'istituto di ricerche di mercato TNS Infratest: il 95 percento ha assegnato alla manifestazione un giudizio da ottimo a buono.  I primi Paesi per numero di visitatori, oltre alla Germania, sono stati nell'ordine Italia, Austria, Gran Bretagna e Irlanda del Nord, Svizzera, Francia, Federazione Russa e Stati Uniti. Un incremento rilevante del flusso di visitatori si è registrato da Canada, Federazione Russa, Turchia, Stati Uniti, Repubblica Ceca, Austria e Asia. Nicole Schmitt, Project Manager di electronica: “Il grande afflusso di operatori internazionali ha confermato ancora una volta che electronica è il principale appuntamento mondiale per il settore.” 2.669 espositori da 49 Paesi hanno presentato prodotti e tecnologie. Dopo la Germania, i Paesi più rappresentati sono stati nell'ordine Cina, Taiwan, Stati Uniti, Gran Bretagna, Italia, Hong Kong, Francia, Svizzera e Giappone.

Pubblica i tuoi commenti