Chip: buone prospettive in auto, cellulari e IoT

Nell’aggiornamento del McClean Report 2015, presentato da IC Insights a fine marzo, sono state modificate le ipotesi relative al tasso di sviluppo che dovrebbero mantenere, fino al 2019, le 33 principali categorie di prodotti a circuito integrato. Undici di esse (tra cui specialmente le logiche destinate a utilizzi specifici nell’automotive, le Dram e i dispositivi analogici per applicazioni specifiche nell’automotive) dovrebbero quest’anno superare il 7% di sviluppo, valore previsto per il mercato complessivo degli Ic; cinque di queste undici, poi, dovrebbero registrare un incremento di fatturato a due cifre. Le categorie di prodotti a Ic che dovrebbero ampliare nel 2015 il proprio volume d’affari sono invece numericamente diminuite e passate dalle 28 del 2014 alle 27 di quest’anno. A imporsi adesso fra i più forti mercati per i sistemi elettronici, poi, è l’automotive: tale segmento, infatti, dovrebbe raggiungere un tasso medio di crescita annua del 6,5% nel quinquennio tra il 2014 e il 2019, superiore rispetto a quelli stimati per le comunicazioni (6,8%), per il consumer (4,3%), per i computer (4,2%), per l’industriale (4,5%) e per il settore governativo/militare (2,7%); ciononostante, la quota del mercato degli Ic detenuta dall’automotive dovrebbe attestarsi solamente su un valore dell’8%, per restare comunque inferiore al 10% fino al 2019. Per quanto riguarda invece le Dram, i guadagni ottenuti con l’aumento dei prezzi di vendita, durante lo scorso biennio hanno sortito l’effetto di uno sviluppo superiore al 30% sia nel 2013 che nel 2014; e nonostante si pensi che quest’anno l’aumento dell’Asp debba rallentare, la domanda di Dram per il mobile dovrebbe invece sostenere lo sviluppo di questo segmento, previsto ancora pari al 14%.

 

Le previsioni per l’andamento dei circuiti integrati nel 2015

Prodotto                                                       2014                                         2015         

Logiche per automotive                                  19%                                             15%

Dram                                                                   33%                                            14%

Analogici per automotive                               11%                                              12%

Analogici per comunicazioni wireless          15%                                             12%

Mpu per telefonia                                            13%                                              10%

Mcu a 32 bit                                                       8%                                               9%

Analogici per industriale                                 8%                                              9%

Flash Nand                                                          6%                                             9%

Logiche programmabili                                   8%                                              9%

Analogici per gestione potenza                    16%                                              8%

Amplificatori/comparatori                             11%                                             7%

Totale IC                                                      8%                                             7%              

Pubblica i tuoi commenti