Buone prospettive per le tecnologie indossabili

MERCATO CHIP –

Da una recente stima effettuata da IMS Research risulta che nel 2016 si arriverà a 92,5 milioni di unità di tecnologie “da indossare”.

Il mercato delle tecnologie “da indossare” è pronto a una fase di ingente espansione: le vendite di questo segmento, infatti, sembrano destinate a un incremento del 500% fra il 2011 e il 2016. Se dunque l'anno scorso, stando a uno studio di IMS Research, sono stati venduti circa 14 milioni di dispositivi integranti tecnologie di questo genere, sembra che nel 2016 si arriverà a 92,5 milioni di unità. Si tratta tuttavia di un ambito assai diversificato: se i due segmenti più sviluppati sono quelli del fitness/wellness e quello della cura della salute e del medicale - si pensi ai prodotti per il monitoraggio di attività, emozioni, segni vitali, e a quelli per aumentare la sensibilità -, le applicazioni si estendono anche all'industriale, al militare e, infine, al campo dell'informazione e intrattenimento, per esempio alla trasmissione o ricezione di dati in tempo reale.

Data la vastità dell'ambito e delle applicazioni, quindi, IHS ha presentato per il futuro tre possibili scenari di sviluppo: una prospettiva relativa al mercato di livello basso, abbastanza pessimistica; una più incoraggiante riguardante quello medio e, infine, una previsione ottimistica concernente il segmento di alto livello. La prima ipotizza che le vendite ammonteranno nel 2016 a soli 39,2 milioni, e presume che lo sviluppo del mercato delle tecnologie “wearable” sarà limitato da vari fattori. La seconda è quella che, pur prevedendo la presenza determinante di alcuni fattori del mercato - quali la mancanza di rimborso nelle applicazioni di tipo medicale e la cautela nell'introduzione di tali prodotti da parte dei grandi fornitori -, ritiene che questi aspetti saranno compensati dal miglioramento delle funzionalità dei dispositivi di tipo non-“wearable” (il che rende ragione delle differenze con la prima prospettiva presentata). L'ultimo scenario è quello secondo il quale, in queste tecnologie, si otterranno progressi e successi significativi, come l'introduzione di nuovi prodotti e l'ampliamento della loro disponibilità, cosicché nel 2016 saranno venduti 171 milioni di dispositivi. La sussistenza di previsioni così divergenti, d'altra parte, riflette la persistente incertezza sul futuro del mercato di queste tecnologie, dovuta anche alla complessità dei fattori che ne influenzano l'andamento.

Pubblica i tuoi commenti